Logo certificazione Family Audit          Logo certificazione ISO 14001 ISO 45001

News

ComeButta? Una APP per migliorare la differenziata

Mercoledì, 12 Giugno, 2013

ComeButta è una applicazione sviluppata dal gruppo ICT4G della Fondazione Bruno Kessler in collaborazione con AMNU S.p.a. per provare a migliorare la raccolta differenziata. L'applicazione consente di verificare qual è il modo corretto per conferire un rifiuto, consentendo di porre una domanda a cui si può ottenere una risposta automatica, se si tratta di una informazione nota o quella di un esperto AMNU, nel caso in cui il computer non abbia elementi per decidere una risposta appropriata Se non si può aspettare la risposta dell'esperto, potete consultare le più tradizionali liste. Grazie al vostro aiuto, comunque, il sistema sarà più efficiente nel fornire una risposta in futuro. Scaricate quindi la APP dallo store di GooglePlay del vostro smartphone o collegatevi al sito www.comebutta.it.

Chiarimenti su richiesta rimborso Iva

Martedì, 10 Aprile, 2012

Si informa che la sentenza della Corte di Cassazione civile n. 3756 del 09.03.2012, non ha preso in considerazione la cosiddetta TIA/2 ma esclusivamente la TIA/1, per la quale la sentenza della Corte Costituzionale n. 238/2009 aveva stabilito la natura tributaria. Infatti il dispositivo della sentenza, al punto 6 quarto paragrafo, recita: “… sembra alla Corte di tutta evidenza che le argomentazioni involgenti l’istituto della tariffa integrata ambientale (tia/2) a nulla rilevano laddove, come nella specie, si discuta della sola tariffa di igiene ambientale (tia/1)”. AMNU applica la tariffa integrata ambientale (tia/2) che si esplica attraverso una misurazione della produzione di rifiuti; non è pertanto di tipo presuntivo come quella oggetto delle sentenze citate. Inoltre il legislatore, con D.L. 78 del 31.05.2010, convertito nella Legge 122 del 30.07.2010, ha stabilito, con interpretazione autentica, la natura non tributaria della tariffa integrata ambientale (tia/2), oggetto del contendere. Tale previsione normativa rende di fatto legittima, nonché obbligatoria, l’applicazione dell’IVA sul corrispettivo richiesto. Si sottolinea comunque che la mancata assoggettabilità della tariffa all’imposta determinerebbe un aggravio dei costi in quanto la società non potrebbe porre in detrazione l’IVA sugli acquisti; essendo questa al 22%, mentre quella sulla tariffa al 10%, il nuovo regime appesantirebbe il costo del servizio in misura notevolmente superiore al beneficio della non applicazione dell’IVA. Per le imprese l’aggravio sarebbe ancora maggiore, poiché l’IVA non rappresenta un costo. AMNU ha sempre operato nel rispetto delle normative vigenti; qualora il legislatore emanasse nuovi provvedimenti sarà cura della società adeguarsi prontamente ai nuovi dettami. Per ulteriori approfondimenti si rimanda alla pagina dedicata sul sito delle Autonomie Locali della Provincia Autonoma di Trento (in link nel documento allegato).

AllegatoDimensione
PDF icon Approfondimento157.07 KB

Organismo di Vigilanza

Mercoledì, 25 Maggio, 2011

AMNU ha adottato un modello organizzativo conforme ai dettami del D. Lgs. 231/01, il quale prevede l'istituzione di un Organismo di Vigilanza al quale le parti interessate (dipendenti, amministratori, fornitori, clienti, collaboratori, ecc.) possono rivolgersi per segnalare comportamenti che possano comportare la commissione dei reati previsti dal citato decreto legislativo. In allegato sono disponibili i recapiti dell'Organismo di Vigilanza cui possono essere inviate le segnalazioni.

AllegatoDimensione
PDF icon Segnalazioni all'organismo di vigilanza108.35 KB

Dati catastali

Martedì, 16 Settembre, 2008

Il Provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle Entrate del 14.12.2007, impone alle società che gestiscono il servizio di raccolta dei rifiuti urbani e la relativa tariffa di igiene ambientale di comunicare, alla suddetta agenzia, i dati catastali degli immobili per i quali è stata attivata o variata un'utenza. La successiva risoluzione dell'Agenzia delle Entrate n. 355/E del 08.08.2008, nel ribadire l'obbligo di cui sopra, ha precisato che in caso di mancata comunicazione, da parte dell'utente, dei dati catastali, le società gestrici (quindi anche AMNU) hanno l'obbligo di segnalare tali nominativi all'Agenzia.

Pagine

Subscribe to News